Stile di guida dei pensionati

Originariamente pubblicato su Italians il 31.07.2010

Caro Beppe e cari Italians,

infuocatissima la discussione sugli utraottantenni e la patente. Da una parte si dibatte se non sia meglio togliere la patente da una certa età in poi, oppure se non sarebbe più onesto fare controlli seri e lasciar guidare chi è capace di farlo bene. E se tali controlli siano possibili nella realtà italiana. Allo stesso tempo leggo però tante lettere scaricabarile. C’è chi guida molto peggio degli anziani. E i ragazzini con le mini car? E le vallette con il Suv allora? E i ragazzi ubriachi il sabato sera? A me questo giochino di cambiare le carte in tavola dà molto fastidio. Stiamo parlando di un tema preciso: se sia opportuno o meno lasciar guidare persone molto anziane. Prego attenersi. Vogliamo parlare della pericolosità delle micro car? Bene, facciamolo. Senza però tirare in ballo gli 80enni al volante. Che la gioventù italiana si mette alla guida bevuta o impasticcata, non aggiunge né toglie pericolosità allo stile di guida dei pensionati. Cercare scuse rinfacciando ad altri peccati simili è diventata una malattia endemica. Ma se il mio vicino di casa non paga le tasse, questo non esonera me dal chiedere la fattura all’idraulico.

Monica Mel
Brava MM.
Monica Mel Nonsolosissi pensionati